Camera di Commercio di Catania

Il sito Ufficiale della Camera di Commercio di Catania: iniziative, novità e tutto quanto di interesse per le imprese e le aziende

Google-Plus

Menu

Orari al Pubblico
ORARI AL PUBBLICO:
dal lunedi al venerdi
08:30 - 12.00
il martedi anche
15:45 - 17:45
Indirizzi e PEC
Camera di Commercio
Via Cappuccini, 2
95124 - CATANIA
Telefono giallo
(+39)0957361111
fax
(+39)0957361301

PEC:
cciaa.catania@ct.legalmail.camcom.it

Altri contatti e mappa
Area riservata

Diritto annuale

Attenzione: apre in una nuova finestra. | Stampa |

Tributi

Il diritto annuale è il tributo che ogni impresa, iscritta o annotata nel Registro delle Imprese, è tenuta a versare alla Camera di Commercio di riferimento. (art. 18 della legge 580/1993 e successive modifiche).

Se l'impresa, oltre alla sede principale, ha sedi secondarie o unità locali nella stessa provincia o altrove, è dovuto un pagamento a ciscuna Camera competente per territorio.
La stessa regola si applica alle imprese con sede legale all'estero e dislocamenti in Italia. Per queste ultime il tributo è dovuto a ciascuna Camera della provincia in cui è ubicata in sede secondaria.
 Un provvedimento ministeriale, determina ogni anno le misure del diritto annuale e le eventuali sanzioni.

Per le nuove imprese che versano, contestualmente alla domanda di iscrizione e di annotazione, somme diverse da quelle stabilite con il decreto, le Camere di Commercio provvedono a richiedere l’integrazione del minor diritto versato o, in caso contrario, ad effettuare il rimborso del maggior diritto pagato.

Il diritto annuale è dovuto:

- in misura fissa per le imprese iscritte o annotate nella sezione speciale del Registro delle Imprese;

- in misura commisurata al fatturato dell'esercizio precedente per le imprese iscritte nella sezione ordinaria del Registro delle Imprese.

Si ricorda che la legge finanziaria 2000 ha modificato le modalità per il pagamento del diritto annuale. In precedenza quest'ultimo avveniva mediante bollettino prestampato spedito da ciascuna Camera di Commercio alle imprese. A partire dal 2001, invece, il pagamento è effettuato in unica soluzione esclusivamente tramite il modello F24, insieme al versamento del primo acconto delle imposte sui redditi.

Questa procedura consente ai contribuenti di compensare immediatamente quanto dovuto per il diritto annuale con eventuali crediti vantati per altri versamenti.

 SOGGETTI TENUTI AL PAGAMENTO DEL DIRITTO ANNUALE

Sono tenuti al pagamento del diritto annuale tutte le imprese che al 1° gennaio di ogni anno sono iscritte o annotate nel Registro delle Imprese nonchè le imprese iscritte o annotate nel Registro delle Imprese nel corso dell'anno di riferimento (art.3 comma 1 D.M. 359/2001).

A tal proposito si ricorda che l'importo non è frazionabile in rapporto alla durata dell'iscrizione nell'anno (art.3 comma 2 D.M. 359/2001).

Sono quindi tenute al pagamento anche le imprese:

• in liquidazione
• inattive dalla costituzione  
• che abbiano cessato o sospeso l'attività
 • cessate nel corso dell'anno
• i soggetti iscritti solo al R.E.A. (Repertorio Economico Amministrativo)

 

 SOGGETTI ESONERATI DAL PAGAMENTO DEL DIRITTO ANNUALE

Sono esonerati dal pagamento del diritto annuale:

• le imprese per le quali sia stato adottato un provvedimento di fallimento o di liquidazione coatta amministrativa a partire dall'anno solare successivo a quello in cui è stato adottato il provvedimento (tranne i casi in cui sia stato autorizzato e fino a quando non sia cessato l'esercizio provvisorio dell'impresa)
 • le imprese individuali che avendo cessato l'attività al 31/12 chiedono la cancellazione dal Registro Imprese entro il 30 gennaio dell'anno successivo alla cessazione attività
 • le società e gli altri soggetti collettivi che, avendo approvato il bilancio finale di liquidazione, chiedono la cancellazione dal Registro Imprese entro il 30 gennaio dell'anno solare successivo all'approvazione del bilancio finale
• le società cooperative sciolte ex art. 2544 c.c. dall'anno solare successivo a quello del provvedimento dell'autorità governativa

 

ImageGli importi 

 

 

OMESSO E/O TARDIVO PAGAMENTO

Le sanzioni amministrative tributarie si applicano ai casi di tardivo od omesso versamento del diritto annuale, come stabilito dagli artt. 8 e 9 del decreto del Ministro dell'Industria e dell'Artigianato 11 maggio 2001, n.359, rispetto ai termini di pagamento ed alle misure del tributo.

Per tardivo versamento si intende il versamento effettuato con un ritardo non superiore ai trenta giorni rispetto alla scadenza anche quando  il pagamento viene effettuato mediante compensazione di crediti.

In tale caso, il Diritto deve essere maggiorato dello 0,40%.

La mancata maggiorazione comporta una sanzione pari al 10% del Diritto.


Per omesso versamento si intende:

  • il versamento non effettuato;
  • il versamento effettuato con un ritardo superiore ai trenta giorni rispetto ai termini della scadenza;
  • il versamento  effettuato solo in parte ed oltre la scadenza;
  • il versamento effettuato solo in parte ed entro la scadenza, limitatamente alla parte di Diritto non versato.

Nel caso di omesso versamento è data la possibilità di ravvedimento entro un anno dalla data di scadenza ordinaria del Diritto.

Decorso tale termine si applica la sanzione del 30% sul diritto dovuto (anche in caso di versamento parziale effettuato entro la scadenza), nonché gli interessi legali previsti dalla normativa vigente calcolati dalla data di scadenza ordinaria del Diritto  fino alla data del versamento.

Nella determinazione dell'ammontare della sanzione si tiene conto delle prescrizioni di cui agli articoli 3, 4 e 5 del decreto n.54/2005, dei criteri di determinazione della sanzione previsti dall'articolo 7 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n.472 e delle direttive impartite in materia dal Ministero dello Sviluppo Economico, già Ministero delle attività produttive.

Usiamo solo cookies tecnici per migliorare la navigazione e statistici anonimi. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information