Camera di Commercio di Catania

Il sito Ufficiale della Camera di Commercio di Catania: iniziative, novità e tutto quanto di interesse per le imprese e le aziende

Google-Plus

Menu

Orari al Pubblico
ORARI AL PUBBLICO:
dal lunedi al venerdi
08:30 - 12.00
il martedi anche
15:45 - 17:45
Indirizzi e PEC
Camera di Commercio
Via Cappuccini, 2
95124 - CATANIA
Telefono giallo
(+39)0957361111
fax
(+39)0957361301

PEC:
cciaa.catania@ct.legalmail.camcom.it

Altri contatti e mappa
Area riservata

l'atto di trasferimento quote: caratteristiche

Attention: open in a new window. | Print |

Registro delle Imprese

Per quanto riguarda l’atto formalizzato dal commercialista deve essere generato informaticamente con estensione PDF/A, cioè deve essere un atto virtuale i cui connotati tecnici siano conformi a quelli indicati dal codice dell’amministrazione digitale (D. Lgs. n. 82/2005 e s.m. e D.P.C.M. 13 gennaio 2004) in altri termini non deve contenere macro istruzioni o codici eseguibili tali da poter attivare funzionalità che possano modificarne il contenuto dopo l’avvenuta iscrizione nel registro delle imprese,  in una parola l’atto deve avere il requisito DELL’IMMODIFICABILITÀ.
Si sottolinea che l’originale dell’atto è proprio quello generato informaticamente sarà solo e soltanto questo che verrà accettato per l’iscrizione nel Registro Imprese.
A tal proposito si rappresenta che non verranno  accettati documenti in formato TIFF e neanche atti generati con procedura di digitalizzazione di “secondo grado”, cioè l’atto avente forma cartacea, firmato autografamente e scansionato, seppur contenente le firme digitali e ciò in quanto è considerato una copia digitale semplice (vedi art. 23 D.Lgs. 82/2005), diversa sia dall’originale che dalla copia autenticata, le uniche due modalità previste ai fini dell’iscrizione nel Registro delle Imprese.
La procedura prevista dall’art. 36 c. 1 bis, in quanto facente riferimento all’atto informatico con firme digitali dei contraenti, comporta necessariamente che le parti contraenti siano forniti di dispositivo di firma digitale con certificato di sottoscrizione valido (tre anni dal rilascio), rilasciato da un ente certificatore riconosciuto.
Ai fini della determinazione dei termini di decorrenza delle richieste di registrazione dell’atto e di iscrizione presso il R.I. è indispensabile determinare la data certa dell’atto.
Affinché tale indispensabile condizione sia determinata necessita che tutte le parti contraenti abbiano firmato digitalmente l’atto e solo quando l’ultima firma sarà apposta, il commercialista incaricato dovrà apporre la marcatura temporale, la data in cui questa viene apposta costituirà la data dell’atto la quale dovrà essere riportata nel mod. S6 nel  riquadro relativo agli estremi dell’atto.

Usiamo solo cookies tecnici per migliorare la navigazione e statistici anonimi. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information